Un rosso fermo accompagna degnamente una buona cena, riunisce intorno ad un tavolo un gruppo di amici, aiuta a superare l’imbarazzo e a far scoccare la scintilla di una nuova idea.

Rossofermo è un progetto nato da tre amici con caratteri, storie e percorsi personali differenti, che si sono incontrati lungo la via e che condividono la passione per il buon cibo.

Rossofermo è il piacere per le piccole cose della quotidianità, un occhio attento a tutto quanto ci circonda e diamo troppo spesso per scontato, come le erbe spontanee ed i frutti che si possono raccogliere nei boschi.

Rossofermo ha a cuore la tradizione ma preferisce guardare avanti; si prende cura delle usanze locali ma vuole conoscere sempre nuovi territori.

Rossofermo è convinto che sia necessaria un’etica nel lavoro: dal campo alla cucina, si propone di raccontare le storie di chi cerca la qualità nel rispetto della terra e delle persone che ci vivono.

Rossofermo si diverte in cucina ma vuole dare uno sguardo anche fuori, con leggerezza: perché non bisogna mai prendersi troppo sul serio.

Ps. In molti ci hanno chiesto di capire le logiche secondo le quali parliamo di un ristorante invece di un altro. Abbiamo provato a spiegarlo qui. Tutto quello che facciamo è guidato esclusivamente dalla passione e dalla voglia di scoprire cose nuove e di condividerle.